Dott.ssa
Silvia Marroni

Dott.ssa Silvia Marroni

Dietista Nutrizionista

La scienza ha scoperto...

La Scienza
ha scoperto...
Ricette
FAQ
Peso e bellezza

Le bacche di Goji

Bacche di Goji
Il Goji (Lycium barbarum) è un arbusto appartenente alle Solanacee ed è originario della Cina, Tibet e di altre parti dell'Asia. I suoi frutti, lunghi 1-2 cm, sono delle bacche di forma ellissoidale di colore rosso-arancio brillante. Le bacche di Goji vengono usate da millenni nella medicina tradizionale cinese sia sotto forma di frutti freschi, che essiccati o come succo spremuto e consumato in concentrati e bevande.
Diversi studi scientifici hanno mostrato come questi frutti abbiano proprietà antiossidanti, stimolanti il metabolismo energetico, di immunomodulazione, di attività anti-tumorale e di protezione cellulare nei confronti dell’invecchiamento. La maggior parte delle proprietà biologiche di queste bacche vengono attribuite ad un gruppo di polisaccaridi, con struttura glicopeptidica, che rappresentano circa il 5–8% del peso secco di questi frutti. I pigmenti di colore rosso-arancio, responsabili delle proprietà antiossidanti di questi frutti, invece derivano da un gruppo di carotenoidi che rappresentano circa lo 0.03-0.5% del peso secco del frutto.
Sulla base di queste interessanti proprietà biologiche queste bacche recentemente vengono consumate anche in Occidente dove sono approdate nei supermercati e nelle farmacie europee e vengono acquistate dai consumatori più attenti a questi risvolti salutistici.
La maggior parte delle bacche comunemente commercializzate in Italia sono però di origine cinese contenenti sostanze conservanti come i solfiti. Fortunatamente però esiste anche un prodotto italiano facente capo alla filiera del GOJI ITALIANO®, che annovera numerose aziende agricole biologiche situate in diverse regioni del Sud Italia dove a quanto pare le piante grazie al caldo sole meridionale forniscono eccezionali bacche, 100% naturali senza conservanti.

Come consumare le bacche di Goji

Come consumare queste meravigliose bacche?
Non c’è che l’imbarazzo della scelta, utilizzata fresca come un pomodorino (ma dal gusto completamente diverso), con e senza picciolo, la bacca di Goji diventa protagonista di interi menu dall’antipasto al dolce!! Si avete capito bene: svariate sono le ricette che hanno come ingrediente queste prodigiose bacche ed è stato fatto anche un esclusivo gelato ed una granita al Goji che sta riscuotendo un notevole successo!
In Italia è possibile reperire le bacche di Goji nei negozi specializzati perlopiù disidratate. In questa forma si possono consumare tal quali oppure reidratate per alcuni minuti in acqua o yogurt.

Se vuoi sapere di più sulla coltivazione del Goji in Italia clicca qui


Le bacche di Goji hanno indubbie proprietà utili per la nostra salute e possono essere considerate un’ulteriore integrazione in una dieta bilanciata. Come sempre, al pari dei farmaci, non esiste un cibo che abbia proprietà miracolose. Inoltre va detto che anche questi frutti possono causare reazioni allergiche in alcuni soggetti.
Nell’ambito di un’alimentazione varia, se gradite, le bacche di Goji possono essere consumate in una quantità pari a 15 g/die. Consiglio di consumarle tal quali o in aggiunta allo yogurt. Ne sconsiglierei la cottura semplicemente perché i carotenoidi in esse contenute, sono in gran parte termolabili e con la cottura perdono le loro proprietà antiossidanti.

Valori nutrizionali bacche di Goji disidratate

Valori nutrizionali per 100 g
Calorie:circa 356 kcal
Proteine:10.6 g
Lipidi:3.1 g
Carboidrati:64.1 g


Questo articolo è a cura di Francesco Gai.

< Torna al sommario "la scienza ha scoperto..."